La costa della California, 
il romantico incontro fra la terra e il mare

Dalla sommità di uno qualsiasi dei promontori nei pressi di Monterey, in California, si può godere del superbo spettacolo offerto dall'ondulata distesa dell'Oceano Pacifico che sferza mugghiante gli scogli alla base della parete rocciosa; a nord e a sud, penisola dopo penisola, ognuna delle suggestive dita di terraferma che si protendono in mare aggiunge profondità e bellezza alla scena. Questa è la famosa contea di Big Sur, una magnifica porzione della splendida costa californiana, che per la maggior parte della sua lunghezza ha conosciuto uno sviluppo edilizio piuttosto limitato, fatto che consente di apprezzarne la selvaggia bellezza per chilometri chilometri. Il percorso lungo la costa è spettacolare, a ogni curva offre un'abbondanza apparentemente infinita di vedute ora sugli arenili, ora sugli affioramenti rocciosi dove dimorano ingenti colonie di foche ed elefanti marini. Fra le onde nuotano le lontre, in alto i cormorani e i falchi pescatori volano in cerchio, pronti a una repentina picchiata per procacciarsi uno spuntino, mentre al largo, oltre ai delfini non è raro avvistare le balene.

Le vedute di cui si può godere lungo la costa comprendono la città di San Francisco, con le sue snelle colline sui cui ripidi fianchi si snodano strade simili a inverosimili "montagne russe", le case abbarbicate le une alle altre, i ponti sospesi che attraversano la baia, i panorami incredibili, i crepuscoli velati dalla nebbia che attutisce ogni rumore. Procedendo verso sud si giunge alla Baia di Monterey, che abbraccia un amplissimo arco di mare, una delle regioni oceaniche più profonde a una distanza tanto breve dal litorale.

Affacciato sull'Oceano Pacifico, tra Monterey e Carmel si estende il Seventeen Mile Drive, una delle strade più panoramiche e scenografiche del mondo, mentre a sud di Carmel un magnifico tratto della Route 1, la Pacific Coast Highway, è divenuto famoso come Contea di Big Sur; lungo l'autostrada si incontrano pochi centri abitati, solo panorami spettacolari e curve tortuose che contornano il tormentato profilo della costa e dei canyon, in fondo ai quali scorrono torrenti e ruscelli che portano le acque scaturite dalle dolci pieghe della Santa Lucia Range a mescolarsi con l'oceano. 

L'incantevole percorso costiero segue molti di questi canyon, offrendo panorami sempre movimentati e mutevoli. In molte località della Contea di Big Sur l'agricoltura viene praticata in prossimità dell'oceano, all'interno di un'area la cui integrità è in parte dovuta all'influenza della vicina Foresta Nazionale di Los Padres, che si estende lungo la costa e sulle cime della Santa Lucia Range, una sezione della catena costiera. Al largo della Point Lobo State Reserve si trova uno degli habitat sottomarini più ricchi della California: nelle acque dell'oceano, tra foreste di kelp, alghe che superano i 20 metri di altezza, nuotano le foche, le lontre marine e talvolta le balene. Tra i pesci abituali di queste acque figurano la bottatrice, il pesce pietra e il cabezone, un curioso esponente della famiglia scorpaeniformes.

In molte località nei pressi di Los Angeles le aree naturali sono state preservate: oltre alla Santa Monica Mountain National Recreation Area, la località di Point Dume, appena a ovest della città, è situata vicino a una spiaggia che comprende alture, scogliere, insenature solitarie e stagni di marea, mentre Westward Beach è un tratto sabbioso del litorale frequentato da chi pratica il surf, il nuoto e lo scuba diving.

Le più belle aree naturali lungo il tratto inferiore della costa californiana si trovano sulle otto Channel Islands, cinque delle quali, assieme al circostante miglio di oceano, fanno parte del Channel Islands National Park. Santa Cruz, l'isola maggiore, misura 38 chilometri di lunghezza, copre 24.543 ettari di superficie e ospita la cima più elevata del gruppo, a 752 metri sul livello del mare; è un luogo di grande bellezza paesaggistica, un ambiente incantevole che comprende due accidentate dorsali montuose, profondi canyon, un'ampia valle centrale, scogliere estese per più di 120 chilometri, ampie caverne marine, stagni di marea e spiagge. Numerose zone delle Channel Islands forniscono un importante habitat per gli uccelli marini, per i mammiferi e per diverse specie botaniche, mentre le scogliere che si estendono lungo le coste, gli scogli al largo e gli stagni di marea offrono un ambiente favorevole alla riproduzione a più di 600 piante e a140 specie di uccelli L'aspra conformazione delle isole e la loro apparente sterilità sostentano specie vegetali e animali endemiche, che si sono adattate alle particolari condizioni del luogo e differiscono dalle specie simili che vivono nell'area continentale. Il Channel Islands National Park fa parte del Programma Internazionale dedicato all'uomo e alla biosfera ed è la sede di un National Marine Sanctuary.

Oltre Los Angeles il clima diventa decisamente di tipo mediterraneo: l'accidentata costa nei pressi di La Jolla attira schiere di turisti che convengono qui per osservare gli uccelli marini, o semplicemente per ammire le onde dell'oceano infrangersi contro le accidentate scogliere o sulle spiagge allo sbocco dei canyon. Ogni inverno, al largo, oltre i fondali di kelp si può vedere il fiabesco zampillo delle balene grige, giunte a metà di una migrazione lunga 8000 chilometri.

Il Cabrillo National Monument, sul lato rivolto al Pacifico della Baia di San Diego, possiede stagni salmastri nei quali - durante la bassa marea - si possono osservare tutti i generi di creature marine, i più appariscenti fra i quali sono senz'altro gli anemoni marini e i granchi striati. Le pozze litoranee sono sovrastate da aspre e dirupate rocce nerastre, che l'alta marea sommerge completamente e che al tramonto appaiono particolarmente suggestive, quando gli ultimi raggi di sole le trasformano in cangianti specchi di fuoco liquido. 

Oltre alle magnifiche vedute che si ammirano dalle scogliere di Cabrillo, le bianche spiagge della lunga penisola di Coronado, a sud, fanno di San Diego un luogo speciale, abbracciato a un mare di cui sembra far parte. L'intera l'estensione della costa californiana è invitante, calda e romantica: le acque spumeggianti, i tramonti meravigliosi, le scenografiche scogliere, le splendide foreste e le infinite occasioni di praticare tutti gli sport acquatici fanno di questa regione, a buon diritto, una delle meraviglie naturali del mondo.